Menu Fotovoltaico

 

I soggetti Irpef, ovvero le persone fisiche, possono usufruire della detrazione del 50%, delle spese sostenute, dalle tasse annuali per 10 anni. 

Cosa vuol dire? Facciamo un esempio pratico: supponiamo di spendere per il nostro impianto 6.200 euro; fiscalmente è possibile detrarre dall’Irpef 310 euro, ogni anno per dieci anni. Inoltre l’iter burocratico è molto semplificato, infatti si ha diritto alla detrazione semplicemente dando prova dell’avvenuto pagamento tramite bonifico, saltando tutte le procedure del Conto Energia, che prevedeva il diritto all’incentivo solo dopo l’allacciamento dell’impianto alla rete, un passaggio burocratico che ha creato non pochi problemi.

La detrazione è riservata solo per quegli impianti direttamente al servizio dell’abitazione del richiedente, il cui scopo è la produzione di energia elettrica per uso domestico, sono esclusi quindi tutti quei casi in cui la cessione dell’energia prodotta in eccesso configuri esercizio di attività commerciale.

Ecco quali sono i soggetti che possono richiedere la detrazione per “lavori di ristrutturazione e recupero edilizio”:

• il proprietario o il nudo proprietario

• il titolare di un diritto reale di godimento (usufrutto, uso, abitazione o superficie)

• l’inquilino o il comodatario

• i soci di cooperative divise e indivise

• i soci delle società semplici

gli imprenditori individuali, ma solo per gli immobili che non rientrano fra quelli strumentali o merce.

 

Emifer si occupa di finalizzare le procedure comunali e non, al fine dell’allacciamento dell’impianto, sollevando il cliente da complicati e tediosi iter burocratici.

 
 
 
 
 
 
 
 
 

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito, accetti l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni